• Eccidio di Cascina Bella Dal Verme alla cerimonia

    Rino Vigo ex partigiano Crespi

    Rino Vigo ex partigiano Crespi

    La presenza di Luchino Dal Verme, il comandante Maino della Resistenza garibaldina nell’Oltrepo pavese, ha arricchito di ulteriore significato la cerimonia per il 66º anniversario dell’eccidio di Cascina Bella. Il 19 gennaio 1945, cinque partigiani della brigata Crespi, nascosti in una buca nei boschi di Po, furono barbaramente trucidati dai militi della Sichereits del colonnello Fiorentini. Una strage che Bressana non vuole, nè puó dimenticare. Il conte Dal Verme, che conosceva quei ragazzi, per aver condiviso con loro l’esperienza della guerra in montagna, ha portato dall’alto dei suoi 97 anni la sua testimonianza, un contributo ancora lucido e di valore storico da parte di uno degli ultimi grandi protagonisti della lotta di Liberazione. Tra i relatori, anche Savini dell’Aned pavese. Il sindaco Rovati ha premiato Rino Vigo, ex partigiano della Crespi, presidente dell’Anpi, che scampó casualmente al massacro.

    Tratto da “La Provincia Pavese” del 25 gennaio 2011
    Link all’articolo originale

    Published by:
  • Microcosmo

    Microcosmo-copertina

    Titolo: Microcosmo
    A cura di: Adriano Sampellegrini
    Progetto grafico di: Alessandro Disperati
    Anno: 2010
    Prezzo: € 10,00
    Caratteristiche Tecniche: 88 pagine – Fotografia in copertina a colori – Copertina Brossura
    Descrizione Indice: Agli amici di Bressana – Microcosmo
    Introduzione: Mi corre l’obbligo di precisare che il libro è una ricostruzione storica, il più fedele possibile, della vita nel paese negli anni Cinquanta. Non ho inteso fare una galleria di personaggi locali, che è già stata fatta da altri in modo encomiabile. Ho voluto invece tentare la strada del racconto, del romanzo ambientato nel paese, con tutte le difficoltà del caso. Ho quindi inserito anche personaggi di fantasia, che non sono però estranei al mondo che andavo a raccontare, ma lo rappresentavano nella sua essenza. Questi personaggi, costruiti con un paziente lavoro di ricerca sulla memoria per creare dei personaggi credibili, sono quindi funzionali al racconto e non rappresentano solo se stessi, ma tutti gli uomini di quel tempo.

    Published by:
  • LUOGHI DEL LAVORO: Mulini edifici che parlano al passato

    Copertina Oltre 97 del 2006La rivista OLTRE, nel numero 97 di Gennaio-Febbraio 2006, ha pubblicato un articolo che racconta del viaggio fra le strutture della provincia che producono la farina. Parliamo dei mulini, che con un ciclo di lavorazione di alcuni giorni, trasformano il grano nella materia prima che ci permette di mangiare quotidianamente pane, pasta, pizze, torte e molto altro ancora. Grano che ormai non è più “prodotto locale”. La farina, infatti, è ottenuta macinando per l’ottanta per cento grani esteri.

    Nella provincia di Paviaci sono ormai soltanto dieci mulini.
    Il viaggio parte da quello di Arena Po e successivamente Santa Maria della Versa, Momperone, Bressana Bottarone e termina a Voghera.

    E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

    Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

    Published by:
  • Palli, una famiglia nella storia di Bressana

    La scuola media di Bressana Bottarone prende il nome dall’industriale di laterizi Edoardo Palli. Bressana, zona ricca di argilla, è sempre stata terra di fornaci, famosa per la produzione di laterizi. Gli anziani ricordano le fornaci: Palli in via IV Novembre, Del Bò in via Del Bò, De Giorgi (ex Cristiani) in via I Maggio, Rognoni in via Indemini, Padana in via I Maggio, Iovita (Maggi) in via I Maggio, incrocio per Pinarolo, Signorelli in via Pavia (zona «Cavallino»), Tacconi ad Argine, Borsani & Azzi (dettaad Giacheta ) a Bottarone. La più importante era la fornace Palli, fondata nel 1712 e caratterizzò l’economia di Bressana fino a pochi decenni fa. La ditta Palli aveva installato, da metà Settecento, alcune fornaci anche a Voghera, Pizzale, Lungavilla.
    Negli anni ’50- ’60 lo stabilimento Palli di Bressana contava cinque ciminiere e si presentava come un vasto complesso. I capannoni, costruiti in periodi successivi, occupavano un’ampia area delimitando tre cortili. Nei primissimi anni ’60, all’interno del complesso di via IV Novembre, c’erano tre fornaci: una per la produzione di tegole marsigliesi, una di tegole catramate (detta «la furnaseta di negar») e una per la produzione di mattoni forati e coppi. L’argilla veniva estratta dalle cave e trasportata con vagoncini nella fornace.
    Mediante macchine speciali veniva bagnata e omogeneizzata. Si ottenavano panetti di argilla che venivano posti da un operaio nella pressa. Un operaio toglieva la tegola dalla pressa e la depositava su un nastro trasportatore per il successivo essiccamento. Dall’essiccatoio le tegole venivano trasportate, tramite nastro, al forno, dove un operaio («bartulè») provvedeva a sistemarle per la cottura e ad estrarre il prodotto cotto. Successivamente, con carriole, le tegole venivano portate nel cortile della fornace e accatastate. Al fuochista spettava il compito di alimentare e garantire il continuo funzionamento del forno.
    Oggi della fornace Palli non esiste più traccia. I capannoni sono stati abbattuti per far posto ad un’area di edilizia residenziale. Ma l’importanza che la famiglia Palli ha avuto per l’economia di Bressana è testimoniata dal nome della nostra scuola.
    Nel 1961 fu istituita, a Bressana Bottarone, una Scuola di avviamento professionale a tipo industriale in via Depretis, vicino al Coppa. Il 20 novembre 1961 il consiglio dei professori della scuola propose di intitolare la scuola a Edoardo Palli, nato a Voghera il 2 novembre 1846 e morto il 5 maggio 1911 a Voghera. Il consiglio comunale, presieduto dal sindaco Carlo Pisani, accolse la proposta, «per i meriti dell’industria Palli, più volte ufficialmente riconosciuti».
    La delibera del consiglio comunale mette in evidenza che «i figli del defunto Edoardo risiedono a Bressana Bottarone dove continuano le tradizioni familiari di avanguardia tanto nel campo industriale quanto in quello benefico, avendo ricoperto importanti cariche provinciali e nazionali». Nel 1963, dopo la riforma, la Scuola di avviamento professionale divenne scuola media statale ‘Palli”.
    Da qualche anno, infine, è sede associata della scuola media «Giuseppe Maria Giulietti» di Casteggio.

    (Marta Calatroni, Camilla Fasani, Mattia Grandi, Sara Tavella, Davide Zambianchi)

    Tratto da “La Provincia Pavese” del 19 maggio 2004
    Link all’articolo originale

    Published by:
  • ANTICHE DIMORE: La sottile armonia del Castello di Argine

    Copertina-Oltre-66La rivista OLTRE, nel numero 66 di Novembre/Dicembre 2000, ha pubblicato un articolo di Mirella Vilardi nella rubrica “Antiche dimore” che parla del Castello di Argine frazione di Bressana Bottarone.

    Articolo nel quale si ripercorre la storia di questa struttura difensivo/residenziale trecentesca. Si vede subito che manca di alcuni particolari, le torri sono solo due e del fossato solo un accenno. Il castello risulta in buono stato e ben tenuto nonostante modifiche effettuate nel tempo. Caratteristica che colpisce è la sua armonia con il caseggiato circostante che poche altre residenze storiche hanno.

    Molti ne furono padroni a partire dal Magnifico Angelo Simonetta fino ai Busca (ultima famiglia patrizia), ai Jacoppi e ai Berzio.

    E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

    Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

    Published by:
  • Luoghi del ricordo a Bressana Bottarone

    Croce in località Cascina Bella nei pressi del luogo dell’eccidio

    BB Cascina Bella 1

    In ricordo di:

    Del Favero Natale (Beghi) di anni 19
    operaio, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Pieve di Cadore (Belluno) il 17 novembre 1925, residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Landini Pierino di anni 25
    operaio, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bottarone il 16 settembre 1919 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Marabelli Peppino di anni 22
    falegname, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 13 luglio 1923 e residente a Bressana Bottarone; fucilato dalla Sicherheit, il 19 gennaio 1945.

    Milanesi Bordino (Gallo) di anni 20
    artigiano, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 7 agosto 1924 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Milanesi Erminio di anni 48
    artigiano, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 7 luglio 1896 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit insieme al proprio figlio Peppino.

     

    Targa posta in via Depretis 77

    BB Via Depretis

    in ricordo di:

    Eseguiti Bruno di anni 30
    operaio, partigiano della Divisione “Masia”, V Brigata “Tundra”; nato a Golferenzo il 22 marzo 1914 e residente a Broni; ferito gravemente dalla GNR a Bressana Bottarone in un’imboscata il 3 settembre 1944 muore due giorni dopo.

     

    Monumento ai Caduti nella Guerra di Liberazione
    in piazza Giovanni XXIII

    BB Piazza Giovanni XXIII

    In ricordo di:

    Del Favero Natale (Beghi) di anni 19
    operaio, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Pieve di Cadore (Belluno) il 17 novembre 1925, residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Landini Pierino di anni 25
    operaio, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bottarone il 16 settembre 1919 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Maggi Olmare (Zanibo) di anni 18
    operaio, partigiano della Divisione “Gramsci”, Brigata “Togni”; nato a Bressana Bottarone il 14 luglio 1927 e residente a Bressana Bottarone; caduto a Milano il 30 aprile 1945 per lo scoppio accidentale di una bomba a mano.

    Marabelli Peppino di anni 22
    falegname, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 13 luglio 1923 e residente a Bressana Bottarone; fucilato dalla Sicherheit, il 19 gennaio 1945.

    Milanesi Bordino (Gallo) di anni 20
    artigiano, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 7 agosto 1924 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Milanesi Erminio di anni 48
    artigiano, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 7 luglio 1896 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit insieme al proprio figlio Peppino.

     

    Monumento “Bressana alla Resistenza” in via 5 Martiri della Liberazione

    BB Via 5 Martiri 1

    in ricordo di:

    Del Favero Natale (Beghi) di anni 19
    operaio, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Pieve di Cadore (Belluno) il 17 novembre 1925, residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Landini Pierino di anni 25
    operaio, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bottarone il 16 settembre 1919 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Maggi Olmare (Zanibo) di anni 18
    operaio, partigiano della Divisione “Gramsci”, Brigata “Togni”; nato a Bressana Bottarone il 14 luglio 1927 e residente a Bressana Bottarone; caduto a Milano il 30 aprile 1945 per lo scoppio accidentale di una bomba a mano.

    Marabelli Peppino di anni 22
    falegname, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 13 luglio 1923 e residente a Bressana Bottarone; fucilato dalla Sicherheit, il 19 gennaio 1945.

    Milanesi Bordino (Gallo) di anni 20
    artigiano, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 7 agosto 1924 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit il 19 gennaio 1945.

    Milanesi Erminio di anni 48
    artigiano, partigiano della Divisione “Aliotta”, Brigata “Crespi”; nato a Bressana Bottarone il 7 luglio 1896 e residente a Bressana Bottarone; catturato e fucilato dalla Sicherheit insieme al proprio figlio Peppino.

    Tratto da www.luoghidelricordo.it
    Link all’approfondimento

    Published by:
  • APPROFONDIMENTI PRIMO PIANO RIVISTE

    PAESAGGI: Cascina Bella, la cascina sul fiume

    Copertina-Oltre-14-15La rivista OLTRE, nel numero 14/15 di Maggio 1992, ha pubblicato un articolo di Beppe Ameglio che parla di Cascina Bella situata nel territorio del comune di Bressana Bottarone.

    Cascina Bella è senza dubbio la più importante azienda agricola della zona, nel pieno del suo splendore estendeva le sue proprietà per circa 30.000 pertiche dando lavoro a qualche centinaio di persone. Ancora oggi rappresenta uno dei più interessanti esempi di azienda agricola settecentesca.

    A sottolineare la sua importanza è la cartografia militare dei primi anni dell’800 in uso alle truppe Austriache che operavano nel Lombardo-Veneto.

    Cascina Bella ha una struttura di cascina a corte con ampio cortile al centro su cui si affaccia la casa del fattore, una serie allungata di casette a schiera una volta concesse in uso ai salariati e gli edifici adibiti a stalle, granai e depositi per le attrezzature agricole. Si veniva a formare un microcosmo dove la vita della comunità ruotava attorno alla cascina. Anche le funzioni religiose venivano celebrate nella chiesa posta nel parco, a destra del corpo centrale dell’edificio padronale.

    In questa zona di confine tra pianura padana e colline dell’oltrepò i colori di sfondo sono il rosso dei mattoni in argilla con cui sono costruite le case e il giallo della paglia ammucchiata nei campi in enormi balle rotonde.

    E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

    Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

    Published by:
  • POESIA: Argine

    Copertina-Oltre-2La rivista OLTRE, nel numero 2 di Marzo/Aprile 1990, ha pubblicato un articolo di Giovanna Tacconi che parla di Argine frazione di Bressana Bottarone partendo da una sua poesia. La poesia e un omaggio autenticamente amoroso e un po’ dolente ad un piccolo paese che muore, gli abitanti che col tempo si trasferiscono in abitazioni più piccole e confortevoli vicino al centro abitato lasciando case con enormi stanze e enormi cortili.

    Argine è un grumo di case che l’onda impietosa del tempo ha reso vecchie e tuttavia fiere di una loro bellezza ruvida e segreta, impreziosita dal rosa caldo e terrigno che è solo del cotto nato nelle vecchie fornaci aduste di oltre mezzo secolo fa.

    Così Argine con la sua chiesa troppo bella e troppo silenziosa e quel castello grifagno incombente sulle case mute, ormai fatiscenti, con la sua gente non ancora rassegnata che da lontano lo vede morire, è un po’ la fioca lanterna che rischiara a sprazzi le fughe nere del tempo perduto.

    E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

    Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

    Published by:
  • Agostino Depretis e la provincia di Pavia

    Microcosmo-copertina

    Titolo: Agostino Depretis e la provincia di Pavia
    Coordinamento scientifico: M. Brignoli, A. Colombo
    Redazione: S. Lomartire
    Riproduzioni: E. Papa
    Progetto editoriale: F. Ricci
    A cura di: Amministrazione provinciale di Pavia – Edizioni Torchio de’ Ricci Pavia
    Anno: 1988
    Prezzo: € 33,00
    Caratteristiche Tecniche: 286 pagine – Fotografia in b/n – Copertina Rigida
    Indice: Presentazione (G. Rezzani) – A. Depretis e l’Amministrazione locale (M. Brignoli) – Relazioni di A. Depretis al Consiglio Provinciale di Pavia – Introduzione (A. Colombo) – I quattro Vangeli – Interventi (Rezzani, Tesoro, Rovati, De Paoli, Calandra e Colombo)
    Introduzione: Il corredo iconografico di questo volume è piuttosto inconsueto ma non per questo inefficace. Si è preferito non ripetere immagini di uomini ed avvenimenti già ampiamente noti; si è voluto, per contro, scegliere una iconografia che richiami la vivacità della lotta politica, la polemica, anche aspra, di cui si nutrono le contese civili.
    I nostri personaggi non sono innalzati sul monumento, ma restano quelli che sono stati: uomini politici, non unanimemente applauditi ma giudicati e bersagliati dalla satira e dalla caricatura.
    E’ un modo persuasivo per avvicinarci alla vita politica di quegli anni, di avere più vicini i protagonisti, di vederne, senza il velo di auliche esaltazioni, luci ed ombre, vizi e virtù.
    La sequenza delle tavole non ha correlazione immediata nel saggio in cui ognuna di esse è stata inserita; la scelta grafica editoriale della presente edizione mantiene il criterio cronologico.

    Published by: