Category Archives: APPROFONDIMENTI

ARCHITETTURE: Di ritmiche e sinuose geometrie

PrimopianoIl catalogo della mostra “Settecento Lombardo” allestita a Milano nel 1991, cita la chiesa di Argine tra i monumenti di maggiore interesse del Barocco Lombardo (Catalogo Electa, p. 381).”

La rivista OLTRE, nel numero 144 di Novembre-Dicembre 2014, ha pubblicato un articolo che racconta dell’opera di restauro fatto della chiesa. L’intervento si era reso necessario in seguito al deterioramento dei canali di gronda, delle coperture e dei cornicioni della facciata e per la messa in sicurezza di elementi architettonici dell’apparato decorativo.

Il 10 aprile del 2012 hanno avuto inizio i lavori di restauro ai quali hanno atteso Don Sebastian, in una prima fase, quindi Don Giuseppe Bruniera in una seconda, coadiuvati dal Consiglio per gli Affari Economici della Parrocchia. L’architetto Alberto Morini e l’ingegnere Alessandro Bottazzi hanno redatto i progetti esecutivi e hanno curato la Direzione dei Lavori. Naturalmente i progetti sono stati sottoposti all’approvazione della Soprintendenza dei Beni Architettonici di Milano.

E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

Published by:

Bressana Bottarone: Agostino Depretis e il suo tempo

Convegno Agostino Depretis e il suo tempoSabato 24 settembre 2011 alle ore 14.30 si è svolto un convegno nella Sala Polivalente del Comune di Bressana Bottarone che aveva lo scopo di chiarire data e luogo di nascita e di morte di Agostino Depretis. Personaggio legato alla storia di Bressana in quanto nato nell’attuale frazione Cascina Bella il 31 gennaio 1813 e battezzato nella frazione ecclesiastica di Rea e del Comune di Mezzana Bottarone (ora frazione Bottarone). Fu, come il padre, amministratore della proprietà Gazzaniga Arnaboldi, e consigliere prima e sindaco poi del comune di Mezzana Bottarone.

Si trasferì a Stradella e ne divenne sindaco per 3 anni dal 1849 al 1851. Morì a Stradella il 29 luglio 1887.

Fu Presidente del Consiglio del Regno d’Italia per nove mandati dal 25 marzo 1876 sino al giorno della sua morte.

A sostegno di quanto scritto l’atto originale di battesimo pubblicato da Mario Moroni a pagina 12 del volume “Memorie di Rea” (finito di stampare nel settembre 2004).

Segnalo due link di approfondimento sull’argomento:
Dove e quando è nato Agostino Depretis
A Bressana Bottarone (PV), Aldo Accardo ha parlato dell’inchiesta Depretis sulla Sardegna del 1869

Published by:

LUOGHI DEL LAVORO: Mulini edifici che parlano al passato

Copertina Oltre 97 del 2006La rivista OLTRE, nel numero 97 di Gennaio-Febbraio 2006, ha pubblicato un articolo che racconta del viaggio fra le strutture della provincia che producono la farina. Parliamo dei mulini, che con un ciclo di lavorazione di alcuni giorni, trasformano il grano nella materia prima che ci permette di mangiare quotidianamente pane, pasta, pizze, torte e molto altro ancora. Grano che ormai non è più “prodotto locale”. La farina, infatti, è ottenuta macinando per l’ottanta per cento grani esteri.

Nella provincia di Paviaci sono ormai soltanto dieci mulini.
Il viaggio parte da quello di Arena Po e successivamente Santa Maria della Versa, Momperone, Bressana Bottarone e termina a Voghera.

E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

Published by:

ANTICHE DIMORE: La sottile armonia del Castello di Argine

Copertina-Oltre-66La rivista OLTRE, nel numero 66 di Novembre/Dicembre 2000, ha pubblicato un articolo di Mirella Vilardi nella rubrica “Antiche dimore” che parla del Castello di Argine frazione di Bressana Bottarone.

Articolo nel quale si ripercorre la storia di questa struttura difensivo/residenziale trecentesca. Si vede subito che manca di alcuni particolari, le torri sono solo due e del fossato solo un accenno. Il castello risulta in buono stato e ben tenuto nonostante modifiche effettuate nel tempo. Caratteristica che colpisce è la sua armonia con il caseggiato circostante che poche altre residenze storiche hanno.

Molti ne furono padroni a partire dal Magnifico Angelo Simonetta fino ai Busca (ultima famiglia patrizia), ai Jacoppi e ai Berzio.

E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

Published by:

PAESAGGI: Cascina Bella, la cascina sul fiume

APPROFONDIMENTI PRIMO PIANO RIVISTE

Copertina-Oltre-14-15La rivista OLTRE, nel numero 14/15 di Maggio 1992, ha pubblicato un articolo di Beppe Ameglio che parla di Cascina Bella situata nel territorio del comune di Bressana Bottarone.

Cascina Bella è senza dubbio la più importante azienda agricola della zona, nel pieno del suo splendore estendeva le sue proprietà per circa 30.000 pertiche dando lavoro a qualche centinaio di persone. Ancora oggi rappresenta uno dei più interessanti esempi di azienda agricola settecentesca.

A sottolineare la sua importanza è la cartografia militare dei primi anni dell’800 in uso alle truppe Austriache che operavano nel Lombardo-Veneto.

Cascina Bella ha una struttura di cascina a corte con ampio cortile al centro su cui si affaccia la casa del fattore, una serie allungata di casette a schiera una volta concesse in uso ai salariati e gli edifici adibiti a stalle, granai e depositi per le attrezzature agricole. Si veniva a formare un microcosmo dove la vita della comunità ruotava attorno alla cascina. Anche le funzioni religiose venivano celebrate nella chiesa posta nel parco, a destra del corpo centrale dell’edificio padronale.

In questa zona di confine tra pianura padana e colline dell’oltrepò i colori di sfondo sono il rosso dei mattoni in argilla con cui sono costruite le case e il giallo della paglia ammucchiata nei campi in enormi balle rotonde.

E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

Published by:

POESIA: Argine

Copertina-Oltre-2La rivista OLTRE, nel numero 2 di Marzo/Aprile 1990, ha pubblicato un articolo di Giovanna Tacconi che parla di Argine frazione di Bressana Bottarone partendo da una sua poesia. La poesia e un omaggio autenticamente amoroso e un po’ dolente ad un piccolo paese che muore, gli abitanti che col tempo si trasferiscono in abitazioni più piccole e confortevoli vicino al centro abitato lasciando case con enormi stanze e enormi cortili.

Argine è un grumo di case che l’onda impietosa del tempo ha reso vecchie e tuttavia fiere di una loro bellezza ruvida e segreta, impreziosita dal rosa caldo e terrigno che è solo del cotto nato nelle vecchie fornaci aduste di oltre mezzo secolo fa.

Così Argine con la sua chiesa troppo bella e troppo silenziosa e quel castello grifagno incombente sulle case mute, ormai fatiscenti, con la sua gente non ancora rassegnata che da lontano lo vede morire, è un po’ la fioca lanterna che rischiara a sprazzi le fughe nere del tempo perduto.

E’ disponibile qui un’anteprima in formato pdf dell’articolo al quale viene fatto riferimento.

Si ringrazia Edo Edizioni Oltrepò per il materiale fornito e si ricorda che il numero arretrato della rivista è ancora disponibile in sede a Voghera o direttamente sul sito www.oltre.eu.

Published by: